Italy Crowd: recensione, opinioni e rendimenti della piattaforma

0
5964
italy-crowd

Cerchi informazioni su Italy Crowd, la piattaforma italiana di crowdfunding immobiliare? Vuoi saperne di più sul crowdlending immobiliare? Continua a leggere perché sei nel posto giusto!

In questo articolo vedremo cos’è e come funziona Italy-Crowd, se si tratta di una piattaforma sicura e affidabile, i suoi rendimenti, e cosa dicono le opinioni e recensioni di chi l’ha usata.

MIGLIORI PIATTAFORME CROWDFUNDING IMMOBILIARE

Valutazione 4.8/5

Valutazione 4.7/5

Valutazione 4.7/5

Collaborazione tra Italy Crowd e Bridge Asset

Italy Crowd Bridge Asset collaborazione

Dopo aver depositato la domanda presso la Consob al fine di ottenere l’autorizzazione ai sensi del nuovo Regolamento Europeo sul crowdfunding, nel marzo 2024 Italy Crowd ha deciso di rinunciare all’iter e di associarsi alla piattaforma Bridge Asset.

Gli investitori provenienti da Italy Crowd potranno beneficiare di un bonus iscrizione dello 0,5% su Bridge Asset e aprire un portafoglio preferenziale. Per scoprire più informazioni sulla piattaforma di crowdlending Bridge Asset, clicca qui.

Questa collaborazione ha il preciso scopo di permettere agli investitori di continuare ad operare normalmente nella loro attività. Inoltre, Italy Crowd garantisce l’erogazione dei rimborsi relativi ai progetti finanziari in corso fino alla fine dell’anno corrente, a dicembre 2024.

Italy Crowd: che cos’è

Italy Crowd (qui il sito ufficiale) è stata una delle più interessanti piattaforme di crowdfunding immobiliare esistenti in Italia.

italy crowd recensione

Il crowdfunding immobiliare è un sistema che permette agli investitori di finanziare progetti immobiliari sicuri e profittevoli, investendo anche solo delle piccole cifre, come ad esempio 100 o 1000 euro. In poche parole, puoi partecipare ad uno o più investimenti immobiliari mettendo a disposizione il tuo capitale, e ottenendo in cambio un rendimento fisso (in proporzione al capitale che hai investito).

Italy Crowd Srl, creata nel 2015 da un team di fondatori con esperienze trasversali nel mondo del business e degli investimenti, è stata la prima piattaforma italiana di crowdlending immobiliare ad operare in Italia, ossia ad offrire opportunità immobiliari di investimento legate al territorio italiano.

Disponibile inizialmente per una cerchia limitata di investitori, si è poi sviluppata e rinnovata grazie all’ingresso nel capitale di 3 importanti partner tecnologici, che oltre al capitale, hanno apportato alla start up italiana la tecnologia e le competenze necessarie per lanciare una piattaforma su larga scala nel 2020.

In particolare l’azienda Swiss Crowd SA, società svizzera specializzata in tecnologia blockchain, diventando partner di Italy-Crowd l’ha resa di fatto la prima piattaforma nativa blockchain in Europa di lending immobiliare, con risvolti estremamente positivi sul lato della sicurezza delle operazioni.

A dimostrazione troviamo gli ultimi dati relativi ai volumi aggiornati a inizio 2024. Infatti, prima di rinunciare al suo proseguo autorizzativo, Italy Crowd contava 300 progetti valutati e 100 milioni di euro di valore immobiliare.

Italy-Crowd: come funzionava

Scopriamo come funzionava la piattaforma di crowdlending Italy Crowd fino al momento in cui era attiva.

Italy Crowd proponeva investimenti in prestiti per progetti immobiliari. Questo significa che non si diventa co-proprietario degli immobili su cui si investe, ma piuttosto finanziatori del progetto, con il diritto a percepire degli interessi fissati in anticipo, oltre alla restituzione del capitale a scadenza.

I progetti immobiliari che Italy-Crowd offriva, prima di essere accettati e resi disponibili agli investitori, erano soggetti ad un’accurata due-diligence, effettuata da un gruppo di esperti del settore (interni o esterni al board di Italy-Crowd) che decidevano se approvarli o meno. Ecco le tipologie di progetti si cui era possibile investire:

  • Nuove costruzioni
  • Ristrutturazioni
  • Iniziative pubbliche
  • Progetti immobiliari

Per quanto riguarda i guadagni dell’investitore, questi variavano in base alla rischiosità dell’operazione, alla fattibilità tecnico-economica e alla solidità finanziaria dell’ente proponente. Generalmente, i rendimenti lordi variavano tra il 9% ed il 14% annuo, anche se in media i guadagni degli investitori si attestavano regolarmente intorno all’11%. La durata dell’investimento era di massimo 1 anno. Capitale e interessi sono stati quasi sempre rimborsati in un’unica soluzione al termine del periodo di riferimento.

italy crowd progetti disponibili

Ogni investitore aveva a disposizione un portafoglio in cui investire e dal quale le transazioni passano solamente tramite blockchain per una perfetta trasparenza. Anche se non era previsto un ammontare minimo per iscriversi al portale, ogni progetto di investimento aveva una quota minima di accesso fissata a 490 euro.

Come si poteva investire

Cliccando su ogni progetto si potevano conoscere sono le intenzioni del proponente, quali lavori sarebbero stati effettuati sull’immobile e i risultati finali attesi (anche a livello estetico).

italy crowd come funziona

I parametri che interessano maggiormente all’investitore sono solitamente il rendimento annuo e la durata dell’investimento, oltre ai giorni mancanti per poter partecipare al progetto di finanziamento. Dopo l’investimento, dall’area personale (dashboard) si poteva monitorare la cronologia degli investimenti e dei guadagni ricevuti.

Italy Crowd e tassazione

Tutte le piattaforme per investire in immobili online, non applicano alcuna ritenuta alla fonte per i guadagni ottenuti dall’investitore. Questo significa che i proventi vanno dichiarati autonomamente, in fase di dichiarazione dei redditi.

I proventi derivanti da attività di Lending Crowdfunding percepiti tramite piattaforme simili a Italy Crowd sono considerati “redditi da capitale”. Quindi vanno a concorrere alla definizione del reddito del contribuente tassato secondo gli scaglioni IRPEF per le persone fisiche o IRES per le aziende.

In ogni caso, per qualunque dubbio o domanda più specifica, ti consiglio di rivolgerti al tuo commercialista di fiducia.

Opinioni e recensioni su Italy Crowd

Nel complesso, durante il suo periodo di attività, Italy Crowd si è sempre dimostrata una valida piattaforma di crowdlending immobiliare in cui gli investitori hanno potuto beneficiare in media di interessi superiori al 9% annui. Inoltre, si è sempre rivelata una piattaforma sicura, grazie anche alla tecnologia blockchain, volta a salvaguardare i dati delle transazioni e rendere le operazioni finanziarie più sicure.

Ora vediamo alcune delle opinioni che gli utenti di Italy Crowd hanno rilasciato sull’autorevole sito internazionale Trustpilot nel corso dell’ultimo periodo.

I clienti che hanno recensito la piattaforma hanno assegnato una valutazione complessiva di 4.1 stelle su 5, un ottimo dato considerando anche la quantità di voti ricevuti.

Italy Crowd recensione Trustpilot
Italy Crowd recensioni
Italy Crowd recensioni

Come puoi notare, Italy Crowd ha saputo accontentare i suoi clienti, che a loro volta hanno riconosciuto l’impegno e la serietà della piattaforma durante tutto il suo periodo di attività.

Alternative a Italy Crowd

In conclusione, Italy Crowd è stata sicuramente una valida piattaforma di crowdlending immobiliare, dato che ha sempre offerto rendimenti medi interessanti e un’ottimo livello di sicurezza per l’investitore. La sua presenza sul mercato della durata di circa 9 anni non è stata affatto irrilevante nonostante la sua recente cessata attività.

Se stai cercando una valida alternativa a Italy Crowd, che sfrutta sempre la formula del lending crowdfunding, Re-Lender potrebbe essere la soluzione giusta per te. Si tratta di un’altra azienda italiana, che raccoglie prestiti per finanziare progetti di riconversione industriale e urbana.

Se invece stai cercando un crowdfunding immobiliare di tipo equity, dai un’occhiata a Walliance e Concrete, due piattaforme italiane con opportunità redditizie non indifferenti.

MIGLIORI PIATTAFORME CROWDFUNDING IMMOBILIARE

Valutazione 4.8/5

Valutazione 4.7/5

Valutazione 4.7/5

Domande frequenti e risposte

Siamo giunti alla fine di questo articolo. Prima di salutarci, vediamo di rispondere ad alcune delle domande più frequenti che altri lettori come te tendono a porsi riguardo Italy Crowd e al mondo del lending crowdfunding.

Italy-Crowd è ancora in funzione?

No. Italy Crowd ha cessato la sua attività a inizio marzo 2024, in seguito alla rinuncia del proseguo autorizzativo precedentemente depositato alla Consob. Ad oggi, Italy Crowd ha avviato una nuova collaborazione con la piattaforma Bridge Asset. Visita il sito ufficiale di Bridge Asset se vuoi saperne di più, clicca qui.

Cosa succede ora se ho investito su Italy Crowd?

Italy Crowd garantisce l’erogazione dei rimborsi relativi ai progetti finanziari in corso fino alla fine dell’anno corrente, a dicembre 2024. Quindi non c’è da preoccuparsi.

Quali sono delle valide alternative a Italy Crowd?

Attualmente esistono molte altre alternative a Italy Crowd nel mondo del crowdlending immobiliare italiano. Tra le opzione più valide presenti sul mercato troviamo Re-Lender, Trusters e Recrowd.