Conto corrente senza imposta di bollo: selezione dei migliori 3

0
371
conto corrente senza imposta di bollo

Stai cercando un conto corrente senza imposta di bollo? Ti trovi proprio nel posto giusto!

In questo articolo ti illustrerò infatti i migliori conti correnti senza imposta di bollo, che ti esentano dal suo pagamento a prescindere dalla giacenza in essi presente.

L’imposta di bollo, che nel caso dei soggetti privati è pari a 34.20 € all’anno (altrimenti ammonta a 100 €), è stata introdotta attraverso il decreto Salva Italia emanato durante il Governo Monti (DL 201/2011) ed è operativa dal 2012.

Si applica a tutti i conti correnti che presentino una giacenza media, valutata secondo la frequenza di rendicontazione della banca (trimestrale, semestrale o annuale), sopra i 5.000 €.

Ora, vi sono alcune banche che per motivi promozionali assolvono agli oneri del pagamento dell’imposta di bollo, facendoti risparmiare soldi preziosi. Andiamo allora a vedere quali sono le offerte del 2021 in questo senso, che ti riassumo fin da ora qui sotto:

MIGLIORI CONTI CORRENTI SENZA IMPOSTA DI BOLLO
5/5
5/5
4.7/5

Conti correnti senza imposta di bollo: top 3

Passiamo ora alla rassegna dei migliori conti correnti senza imposta di bollo, a prescindere dalla giacenza in essi presente.

1. Tinaba (miglior conto corrente senza imposta di bollo)

Tinaba (qui il sito ufficiale) è a tutti gli effetti il miglior conto corrente senza imposta di bollo del 2021. È gestito tramite un’app, disponibile sia per dispositivi Android che iOS. Tale app è stata sviluppata in collaborazione con Banca Profilo, una realtà italiana specializzata nel Private e Investment Banking, che offre soluzioni per la gestione del patrimonio di clienti privati e istituzionali.

conto corrente senza imposta di bollo

L’apertura di questo conto corrente è gratuita, così come anche il canone annuo. Vi sono molte offerte di questo tipo, ma solo con quella di Tinaba non dovrai pagare l’imposta di bollo, che viene assolta al posto tuo!

Altrettanto gratuiti sono i trasferimenti di denaro, i bonifici ed i prelievi in area UE (i primi 24 all’anno). Ancora, riceverai gratuitamente una carta prepagata che opera su circuito MasterCard, che puoi ricaricare istantaneamente da cellulare.

Inoltre, inserendo il codice promo “TINABA10” durante la procedura d’iscrizione, otterrai un bonus di 10 euro effettuando la prima ricarica per un importo minimo di 50 euro. Trovi maggiori informazioni in questa recensione dedicata.

Riassumendo, registrandoti gratuitamente oggi non dovrai pagare nulla né per la registrazione, né per il mantenimento del conto, né per l’imposta di bollo. Clicca qui per accedere a questa grande opportunità.

2. Hype Start

Hype Start (qui il sito ufficiale) è un’altra valida alternativa tra i conti correnti senza imposta di bollo. Si tratta in questo caso di una carta conto dotata di IBAN, che è offerta da Banca Sella, istituto di credito che negli ultimi anni si è specializzato in prodotti finanziari innovativi e tecnologici.

conti corrente senza imposta di bollo

Nella pratica svolge tutte le funzionalità di un comune conto corrente, ma senza i costi tipici di quest’ultimo.

Il piano Start di Hype non prevede alcun costo di mantenimento né di apertura e risulta perciò molto conveniente soprattutto per giovani e minorenni che non si possono permettere di aprire un comune conto corrente.

Il grosso vantaggio di Hype è che non dovrai sostenere alcuna spesa per l’imposta di bollo, applicata per giacenze medie superiori a 5.000€. Questo è dovuto al fatto che il limite massimo depositabile del piano Start è di 2.500€. Trovi maggiori informazioni sulle sue funzionalità e costi anche nella nostra recensione dedicata a questo link.

La carta Hype Start è ideale per tutti coloro che non vogliono sostenere delle spese inutili e fa le veci di un vero e proprio conto corrente senza imposta di bollo. Clicca qui per ottenerla gratuitamente.

3. N26

N26 (qui il sito ufficiale) completa la nostra selezione dei migliori conti correnti senza imposta di bollo. Si tratta di un servizio promosso da una banca tedesca, anche se il conto offerto per i clienti residenti in Italia è dotato di un IBAN italiano.

conto senza imposta di bollo

N26 prevede diversi piani tariffari, e tra questi ve n’è uno a canone gratuito per sempre, ovvero il piano Standard (trovi una recensione completa a questo link). Più che un conto corrente vero e proprio, viene spesso indicato come una carta conto, a cui, come detto, è associato un iban italiano.

La sostanza non cambia: avrai tutte le funzionalità tipiche di un conto corrente, più altre specifiche di N26. Sto pensando ad esempio alla possibilità di effettuare bonifici in valuta estera con tassi di cambio competitivi grazie alla convenzione con Wise (ex TransferWise) o quella di ritirare contanti con il sistema CASH26 presso i supermercati.

Attualmente vi è anche una promozione attiva: aprendo oggi il conto N26, verrai esentato dal pagamento dell’imposta di bollo fino al 30/06/2021. In questo modo risparmierai sulla rata da 8.55 €, applicata con cadenza trimestrale.

Inoltre, puoi inviare denaro in via istantanea a tutti coloro i quali possiedono un altro conto N26 con il sistema MoneyBeam. Nel complesso, un altro grande conto corrente di fama internazionale. Clicca qui per aprirlo.

Quando non si paga l’imposta di bollo

A corredo di quanto detto precedentemente, andiamo a chiarire quando non va pagata l’imposta di bollo, ovvero i casi in cui si è esentati dal suo pagamento. Vediamo caso per caso:

  • Giacenza media inferiore a 5.000 €: tale giacenza è calcolata sulla base del periodo di rendicontazione della banca, che può essere trimestrale, semestrale o annuale. Da notare che se si posseggono più conti presso la stessa banca, vanno sommate le giacenze di ciascuno di essi e, se il totale supera i 5mila euro, l’imposta di bollo è dovuta;
  • Conto della pubblica amministrazione: i conti che fanno riferimento alla pubblica amministrazione, dal momento che appartengono allo Stato Italiano, non sono sottoposti all’imposta di bollo;
  • Persone con ISEE al di sotto dei 7.500 €: i cittadini italiani che presentano un reddito valutato con l’indice ISEE al di sotto dei 7.500€ sono esentati dal pagamento dell’imposta di bollo;
  • Conti correnti di base per indigenti: è una forma di conto introdotta anch’essa dal governo Monti per persone con reddito limitato, che è esente dal pagamento dell’imposta di bollo. In particolare, hanno diritto alla sua apertura i cittadini che autocertifichino un ISEE inferiore a 11.600 € ed i pensionati che dichiarino un trattamento pensionistico di importo lordo annuo non superiore a 18.000 €;
  • Conto corrente presso un istituto di pagamento o IMEL: anche queste istituzioni sono esentate dal pagamento del bollo;
  • Promozioni attive: in alcuni casi, come abbiamo già visto precedentemente è la stessa banca che si accolla il pagamento del bollo, consentendoti di risparmiare su tale imposta.

Infine, spendiamo qualche parola nel caso in cui il conto corrente sia contestato tra vari proprietari. In tale frangente, la giacenza media va suddivisa secondo il numero degli intestatari. Ad esempio, se la giacenza è di 8mila euro e gli intestatari sono 2, ogni proprietario del conto avrà una giacenza di 4mila euro ed in questo caso l’imposta di bollo non va pagata.

MIGLIORI CONTI CORRENTI SENZA IMPOSTA DI BOLLO
5/5
5/5
4.7/5
Bussola Finanziaria è il portale italiano sulla finanza personale, sugli investimenti e sul trading. Parliamo di azioni, obbligazioni, ETF, criptovalute, crowdfunding, portafogli di investimento e broker online.